CORSO

DENTRO LO SCHERMO in 10 lezioni

dal 1 febbraio 2022 al 31 marzo 2022

Scarica il programma del corso il pdf >

 

Il corso “Dentro lo schermo: doppio sguardo sul linguaggio audiovisivo e sull’uso del cinema a scuola” è rivolto a tutti gli appassionati di cinema che desiderano approfondire alcuni temi e ha la durata di 20 ore suddivise in 10 incontri da due ore ciascuno (17.00-19.00) nelle date dell’1, 3, 9, 16, 23 febbraio e del 3, 10, 17, 24 e 31 marzo 2022.

Il costo è di 60 € (da pagare in contanti presso la cassa del Visionario). Organizzato dalla Mediateca Mario Quargnolo, è riconosciuto dall’Ufficio Scolastico Regionale per il Friuli Venezia Giulia ed è sulla piattaforma SOFIA del Miur (codice del corso 60891).
Iscrizioni: mediateca@visionario.info
Accesso con Super Green Pass.

Il corso ha per oggetto il linguaggio del cinema e dell’audiovisivo. Attraverso la visione commentata di frammenti di film, proiettati in sala cinematografica, si toccheranno i principali temi che riguardano la narrazione cinematografica, approfittando al contempo per tracciare una storia del cinema: dalle origini e i pionieri, al muto, al sonoro, dal cinema classico al cinema moderno e contemporaneo. Infatti il linguaggio del cinema ha una sua propria evoluzione ed è fortemente influenzato dalle tecnologie e dai contesti produttivi, essendo un’arte fortemente legata al mercato e dai meccanismi della comunicazione di massa.
Suddiviso in due grandi blocchi (il primo condotto dal critico Giorgio Placereani e il secondo dall’esperta Anna Antonini), il corso avrà la durata di 20 ore suddivise in 10  incontri da due ore ciascuno.
Gli argomenti trattati, illustrati da schegge di film, saranno i seguenti:
Alcune avvertenze sull’uso del cinema nella scuola;
Il racconto, lo spettatore, il genere (aspetti psicologici, proiezione, aspettative, sospensione dell’incredulità, diversità di fruizione in base alla diversità dei supporti);
Il racconto cinematografico (storia e discorso, istanza narrante, messa in scena, personaggio, caratterizzazione, enunciazione, temi ricorrenti, aspetti metacinematografici) ;
L’immagine: la fotografia, la scenografia, la CGI (Computer Generated Imagery):
Il montaggio (pre-classico, classico, moderno e contemporaneo);
Il suono (infradiegetico/extradiegetico).
Nella seconda parte, a cura di Anna Antonini, ci si concentrerà in particolare sul cinema destinato al pubblico giovane, a partire dal cinema d’animazione, tracciando una classificazione dei generi e delle tipologie realizzative, una storia del genere e un confronto tra il cartone animato occidentale e asiatico: alla scoperta di differenze, delle affinità e delle categorie culturali necessarie per comprendere cinematografie lontane. Nell’ultima parte del corso, Anna Antonini, che negli ultimi anni ha curato pubblicazioni e si è concentrata sulla cultura dell’inclusione sociale attraverso il cinema, proporrà visioni e analisi di frammenti di film su temi come l’adolescenza , approcciata attraverso film inaspettati, come quelli dei supereroi: il supereroe è dunque trattato come metafora della diversità sociologica, fisica e sociale. Sarà affrontato il tema di come il cinema racconta la disabilità, con specifica attenzione alla proposta  didattica (allargando lo sguardo anche alle serie tv).

Condividi con i tuoi amici










Inviare