Movieday

Com’è NATO un golpe: il caso Moro

31.07.2020

“L’agguato di via Fani” è un’azione di guerra non convenzionale che in meno di due minuti colpisce a morte i 5 agenti della scorta del Presidente della Dc, lasciando Aldo Moro illeso. Un’operazione di alta perizia militare, che oggi siamo in grado di ricostruire collocando sulla scena personaggi come il 24enne David, statunitense di origini italiane addestrato in Vietnam, che ha contribuito ad organizzare l’evento culminante della strategia della tensione.

Il documentario Com’è NATO un golpe: il caso Moro ripercorre le ultime fasi della vita politica del Presidente della Democrazia Cristiana, dal viaggio negli States del 1974 fino al rapimento, alla prigionia e all’uccisione del 9 maggio 1978. Una narrazione condotta dal senatore Sergio Flamigni, dall’ex magistrato Carlo Palermo, da giornalisti e autori come Marcello Altamura, Rita Di Giovacchino e Carlo D’Adamo, che si contrappone al “Memoriale Morucci”: portando una nuova analisi balistica, un filmato inedito che svela la targa di un’auto presente in via Fani le indagini non hanno mai tenuto conto e la fonte “Beirut2”, intervistata da Carlo Palermo, che riferisce di una foto scattata ad Aldo Moro in un cortile durante la prigionia.

Lunedì 3 agosto al Visionario, alle 19.00, interverranno: Claudia Cernigoi (giornalista e ricercatrice storica); Alessandra Kersevan (editrice e ricercatrice storica); Andrea Montella (produttore e autore del film); Paola Baiocchi (produttrice e autrice del film).

Per informazioni e acquisto biglietti consultare il sito www.movieday.it

Condividi con i tuoi amici










Inviare