evento

Lupo Nero, Lupo Bianco

22 marzo 2018 - 19:30

Giovedì 22 marzo alle ore 19.30 proiezione gratuita del film-documentario Lupo Nero, Lupo Bianco, viaggio nel Gruppo Permacultura Sicilia, realizzato da Ottavia, Olimpia e Giovanni Nigris Cosattini.

 

La parola “permacultura” è stata creata da Bill Mollison e da David Holmgren a metà degli anni ’70, per descrivere un sistema integrato ed evolutivo di specie vegetali ed animali perenne, ed utile all’uomo. Le persone, i loro edifici ed il modo in cui organizzano se stessi sono centrali nella permacultura, perciò la visione iniziale, di una agricoltura permanente o sostenibile, si è evoluta in una cultura permanente. Permacultura oggi significa “permanent culture”, cultura permanente, significato che riflette i 40 anni ormai raggiunti da questa rivoluzionaria metodologia di progettazione.

La Permacultura è l’integrazione armoniosa del paesaggio e degli individui per provvedere al cibo, all’energia, alla protezione degli elementi naturali e ad altri bisogni in modo sostenibile. La permacultura è prendersi la responsabilità ed è una direzione, non una destinazione, basata sull’osservazione dei sistemi naturali, la saggezza contenuta nell’agricoltura tradizionale del passato e la conoscenza scientifica moderna. La permacultura approda ufficialmente in Italia nel settembre del 2000, da allora, numerose realtà italiane hanno avviato progetti di permacultura, insieme ad agronomi e progettisti, che ne hanno studiato i principi e le applicazioni.

In linea con i principi della Permacultura, si è voluto creare un evento, il 22 marzo al Visionario di Udine, che includesse gruppi e associazioni attive sul territorio, perché la visione del documentario potesse essere occasione di incontro e scambio di diverse realtà, per costruire un futuro migliore. Il pubblico potrà quindi incontrare Veronica Rossi del CeVI che si occupa da anni di economia solidale e potrà illustrare la legge regionale dedicata; e Fabio Copetti di Permacarso, testimonianza fondamentale dell’applicazione della permacultura nella nostra regione.
Una leggenda Cherokee narra la simbolica lotta tra le indoli opposte dell’animo umano, rappresentate da un Lupo Bianco e un Lupo Nero. Tra i due prevarrà quello a cui si deciderà di dare nutrimento. Da qui il titolo LUPO NERO, LUPO BIANCO, progetto itinerante che mostra i risultati del Permacul-Tour, realizzato nel 2016 da Ottavia Nigris Cosattini, allo scopo di raccontare la realtà del Gruppo Permacultura Sicilia.

“Abbiamo girato per tre settimane – afferma Ottavia Nigris Cosattini – sotto la guida di Peppe Arena, alla scoperta di realtà siciliane che applicassero la permacultura a tutti i livelli, sociale, agricolo o ideologico, scoprendo che dal primo corso di permacultura nel 2010 fino ad oggi le realtà si sono moltiplicate, diventando così numerose da obbligarci a visitarne soltanto alcune molto rappresentative”.

Il documentario ha come obiettivo principale quello di diffondere la permacultura come stile di vita, attraverso i principi che la rappresentano e, come obiettivo parallelo, quello di raccontare la rete siciliana, esempio da poter replicare anche in altre regioni. Lo stile particolare, che assomiglia più ad un road movie, ad un incontro informale tra amici, si differenzia da quello proprio dei documentari.

Il progetto è nato dalla necessità di raccontare una realtà molto significativa, come esempio di autogestione e di rivoluzione dal basso. La spontaneità con cui si è costruita questa rete, all’interno della regione Sicilia, è la qualità principale del gruppo e del filmato stesso.
L’Associazione Culturale G.G. International, fondata nel 2009, si occupa dell’organizzazione di eventi ed occasioni di formazione, promozione e supporto alla cultura, in Italia e all’estero.
Il portfolio di attività è molto vasto, come il target di età a cui fa riferimento: i bambini, con eventi che promuovono la creatività attraverso diversi canali, come il teatro, la musica o occasioni per incontrarsi e condividere le proprie passioni; gli adulti, diversificando dal vernissage, alla promozione di eventi teatrali, di formazione o cinematografici (“Golden Graal” è il primo evento organizzato, da cui prende il nome G.G.). Negli ultimi anni l’Associazione si è dedicata ad approfondire la tematica della sostenibilità, all’interno dell’ambito culturale, proponendo nuove soluzioni e promuovendo l’attenzione all’ambiente, a tutti i livelli.

Ottavia Nigris Cosattini, rappresentante legale dell’Associazione Culturale G.G. International, lavora da molti anni come organizzatrice di eventi e collabora come free lance in numerose realtà culturali, come Fattore K, Compagnia LABit, Trasformatorio, IF Animazione. Con un passato di attrice teatrale e un presente di organizzatrice di eventi, in sinergia con le sue esperienze formative, realizza eventi a sostegno della sostenibilità e della consapevolezza.

 

Condividi con i tuoi amici










Inviare