evento

Fellini 100

dal 11 febbraio 2020 al 25 marzo 2020

Facciamo finta che quest’anno non cada l’anniversario dei 100 anni dalla nascita di Fellini. Poniamo il caso che non sia una data rimbalzata in tutte le tv, le radio, la carta stampata, il web …  Se accettassimo questo paradosso, cambierebbe qualcosa? Non sarebbe comunque opportuno ritornare sull’opera di Fellini? Tutt’oggi il regista di Rimini è uno degli artisti più conosciuti e amati al mondo con un immaginario così unico e peculiare da diventare un aggettivo. La sua influenza è enorme e senza confini, il mondo che ha creato è immenso, visionario e totale. E in questo mondo ha raccontato se stesso ma anche l’Italia e gli italiani sublimando la nostra cultura ad arte internazionale, dando vita al paese della “dolce vita” con toni grotteschi e caricaturali, con visioni oniriche di grande suggestione. Non basta quindi riportare in sala alcuni suoi capolavori che vanno rivisti o scoperti per la prima volta, ma bisogna creare una piccola galassia che renda in parte la grandezza del regista. Ecco quindi che ad una selezione di restauri si affianca l’Anatomia del film per dissezionare e studiare Lo sceicco bianco e il Patrimonio della Mediateca per conoscere tutta l’opera di Fellini. Cento di questi giorni Federico!

Martedì 11 febbraio ore 18.00 | Mediateca Mario Quargnolo
ALLA SCOPERTA DEL PATRIMONIO DELLA MEDIATECA: FEDERICO FELLINI
Prendendo spunto dall’omaggio a Fellini e da una ricca retrospettiva dello Sguardo dei Maestri a lui dedicata tra il 2003 e il 2004 al Ferroviario, Giorgio Placereani ci conduce attraverso la filmografia del grande regista grazie al patrimonio della Mediateca sempre a disposizione del pubblico e al libretto Le invenzioni della memoria. Il cinema di Federico Fellini (CEC, Cinemazero, La Cineteca del Friuli, 2003).
Ingresso libero fino ad esaurimento dei posti.

Giovedì 20 febbraio | Visionario
LA DOLCE VITA
(Italia-Francia 1960, 180′) Restaurato da Cineteca di Bologna in associazione con The Film Foundation, CSC – Cineteca Nazionale, Pathé, Fondation Jérôme Seydoux-Pathé, Mediaset e Medusa Film, Paramount Pictures e Cinecittà Luce. Con il sostegno di Gucci e The Film Foundation
Marcello Rubini è un giornalista di scoop scandalistici che vorrebbe scrivere romanzi. Ambientata nella Roma mondana degli anni ’60, La dolce vita svela luci e ombre della società dell’epoca. Fellini si propone di realizzare la radiografia della mutazione di un’epoca, di raccontare la vita così come la rappresentano i nuovi media appropriandosi di molti episodi degli scoop dei fotoreporter.

Giovedì 27 febbraio | Visionario
I VITELLONI 
(Italia 1953, 104′) Restaurato da CSC – Cineteca Nazionale e Istituto Luce – Cinecittà
Quattro trentenni di una piccola città di mare, vivono nell’eterna attesa di diventare adulti. Fellini intreccia le vicende dei quattro vitelloni (interpretati magistralmente da Sordi, Franco Fabrizi, Leopoldo Trieste e dal fratello Riccardo), adottando una narrazione vivacemente frammentaria che culmina in sequenze di sottile amarezza e in situazioni beffarde.

Giovedì 5 marzo | Visionario

(Italia 1963, 138′) Restaurato da CSC – Cineteca Nazionale e Istituto Luce – Cinecittà in collaborazione con RTI-Mediaset
Al suo ottavo film e mezzo, Fellini realizza un potente autoritratto, privo di reticenze, specchiandosi in un regista sorpreso da un’improvvisa crisi creativa, invaso dalle visioni fantasmatiche del passato e in balia dei rimorsi derivanti dalla sua contraddittoria vita privata. Uno degli emblemi del cinema moderno.

Mercoledì 18 e 25 marzo ore 17.30 | Visionario
Anatomia del film: LO SCEICCO BIANCO (1952)
a cura di Giorgio Placereani
L’esordio “a solo” di Fellini dopo LUCI DEL VARIETà con Lattuada. Durante il viaggio di nozze a Roma, il mondo di una piccolissima borghese persa in sogni romantici sembra rovesciarsi nell’incontro con le meraviglie di cartapesta del fotoromanzo dello Sceicco Bianco e del suo eroe, un Alberto Sordi indimenticabile.
Evento gratuito (in due puntate non separabili) ma con iscrizione obbligatoria scrivendo a mediateca@visionario.info o telefonando allo 0432 298761.

Condividi con i tuoi amici










Inviare